Recensione NAS QNAP TS-320

A causa del termine del supporto per Flash a partire dal 31.12.2020, mi sono trovato a dover sostituire il mio NAS con RAID 1 (mirror) in quanto ha l’interfaccia in Flash, ed essendo il prodotto vecchiotto e non più supportato, non avevo speranza di ricevere un aggiornamento che sostituisse la UI Flash.

Così ho fatto un po’ di ricerche – ovvero le solite paio d’ore a leggere tutte le recensioni e commenti – per trovare il mio prossimo NAS per due dischi da 2,5″ SSD da 1 Tb. Le mie necessità sono minime: mi interessa solo avere delle cartelle pubbliche in RAID 1, con le mie cose importanti.

Mi ero orientato verso i modelli più economici sul mercato, ma poi ho pensato che se un giorno perdessi tutti i miei dati, avrei rimpianto quelle 100 euro risparmiate, così ho deciso di acquistare il QNAP TS-230, un nome che è una garanzia.

La mia scelta è stata data da:

  • il file system interno è EXT4, quindi in teoria in caso di guasti dovrei poter collegare il disco via usb al mio pc, e accedere al contenuto
  • supporta i dischi da 2,5″, cosa che ho notato altri modelli (non so per quale motivo) non fanno. Ovvero nelle specifiche il formato 2,5″ non è elencato.
  • QNAP è una garanzia, ne ho installati alcuni anni fa (in Italia) ed erano veramente belle macchine, affidabili, flessibili e mai un problema.
  • il prezzo non era troppo elevato rispetto ai più economici di altre marche, questo comunque è il più economico dei QNAP.

La scatola è molto ben fatta, e contiene tutto quello che serve. L’installazione dei dischi da 2,5″ sembrerebbe si possa fare già con i supporti forniti da loro, ma io ho utilizzato degli adattatori che avevo già. Nel manuale – non presente nella scatola ma da scaricare dal loro sito – spiega come fare: fissare i dischi con 3 viti nei punti giusti del loro supporto.

Non fatevi ingannare dall’immagine! La garanzia è quella standard, se volete avere l’estensione a 5 anni dovete pagare solo (ironico) 99 $!

I miei dischi SSD sono dei Samsung serie EVO da 1 TB, che consiglio, fino ad ora nessun problema, e il NAS è veramente silenzioso con questa configurazione!

Una volta avviato il NAS dobbiamo trovarlo in rete, ho quindi scaricato il loro sw apposito “Qfinder Pro” che… non lo trova! Fantastico! Come fare a sapere l’ip per provare a collegarsi dal browser all’interfaccia di amministrazione? Per fortuna sono un tecnico, quindi tramite il software “network scanner”, ho fatto la scansione della rete e trovato il dispositivo, aiutato anche dal MAC indicato sul retro/fondo del QNAP.

A questo punto ho avuto accesso alla UI di amministrazione e – dopo aver installato il nuovo firmware – ho notato che non è un semplice NAS, ma può sostituire un server professionale, da tante funzioni e possibilità sono possibili.

Ad esempio ho perso un paio di ore a capire come fare una cosa semplicissima: prendere i miei due dischi e farli diventare un disco condiviso in rete, con delle cartelle (data a backup) che fossero accessibili dal mio portatile Windows 7. Ho rinunciato ad avere accesso alle cartelle senza inserire utente/password, sembra non sia possibile (la solita sicurezza enterprise inutile per casa).

Se non sei un tecnico o una persona a cui piace “smanettare” questo NON è il prodotto per te, orientati invece per qualcosa di più economico e semplice, in quanto la UI è veramente (e inutilmente) complicata e le opzioni possibili sono tantissime, non/mal spiegate e per niente intuitive. Tra l’altro il SSD overprovisioning, che mi avrebbe fatto perdere un 10% di spazio disco (capiamoci: 90 GB!) che dopo parecchie ricerche ho capito fosse per me inutile, era abilitato di default!

Creare un semplice RAID 1 con due dischi è stata un’avventura, però se il mio ambito fosse stato professionale, sarebbe stato utile avere tutte le opzioni. Forse avrebbero potuto creare un wizard o un pulsante per fare un setup di base, sarebbe stato una UX (User eXperience, esperienza utente) decisamente migliore.

Anche le pagine di amministrazione sono parecchie caotiche, con informazioni ridondanti ovunque, con parecchi popup che si aprono, e poco chiare. Forse l’utente avanzato le può trovare utili, ma sono veramente disorientanti.

Comunque una gran bella macchina! Ho apprezzato fosse possibile cambiare il livello di luminosità dei led di stato frontali, utile se il NAS è esposto in ufficio o in casa.

Al termine del setup sono riuscito a trovare il NAS con Qfinder, e mi ha chiesto di configurare un smtp per l’invio delle notifiche, carino. Peccato che poi nel giro di poco tempo l’ho dovuto ri-configurare in altri 3 diversi posti dalla UI, per abilitare l’invio delle notifiche in caso di warning/errori, ma perchè? Non dovrebbe bastare una volta sola? La mia impressione è che il sistema è composto da un collage di diversi sistemi, ma l’integrazione tra loro lascia a desiderare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.