I dispositivi Apple non sono sicuri, nè una buona scelta

Essendo un tecnico ho una visione delle cose diversa rispetto al consumatore “normale”. Purtroppo alcune cose che io do per scontato, ho notato che molti le ignorano completamente.
I così detti “Apple fan” molte volte sono completamente all’oscuro della reale qualità dei prodotti che ammirano tanti, principalmente perchè sono facilmente influenzabili dalle attività marketing (pubblicità). In questo Steve Jobs era un mago, al pari di Mussolini, ma attenzione, non dal punto di vista politico, ma in quanto – se avete studiato la storia – saprete che è stato il genio che ha inventato questo concetto.
Il fatto che Apple sia riuscita a vendere così tanti dispositivi conferma quanto eccezionale sia la loro divisione marketing.
Molte volte ho sentito poveri ignari consumatori comparare dispositivi Windows o Android, con i loro super-costosi prodotti Apple.
Ma perchè “poveri”? perchè non si rendevano conto che non erano loro a parlare, perchè nessuna persona sana di mento potrebbe comparare un, ad esempio, computer Acer da 300 euro con un computer Apple da 2000. Eppure lo facevano! E poi dicevano a pappagallo quello che gli rifilava il marketing “Apple è sicura, non ha i virus, mica è Windows”.

Ma io sono un tecnico, e mi baso sui fatti, comparo in modo scientifico. Ma ritengo il gusto personale una scelta da rispettare.
Quindi se un conoscente mi dice che ha scelto un dispositivo Apple per il brand, sono d’accordo e sono contento per lui. Oppure per delle specifiche funzioni, bene. Ma non ritengo corretto che vengano scelti a causa di menzogne.

Ad esempio, a proposito di sicurezza dei dispositivi Apple: sapete vero che è crollato il mito degli infallibili e sicuri dispositivi Apple?
Apple ha dovuto rinunciare (ovviamente non per scelta loro, ma in quanto legalmente era falso) alle loro pubblicità dove si vantavano di non avere bisogno di antivirus, che erano sicuri, ecc. Ma questa menzogna è durata per molti anni, e i consumatori che sono stati infettati (e che neanche lo sapevano) sono stati milioni. E non abbiamo i veri numeri, in quanto Apple non collabora e si rifiuta di dare maggiori informazioni “per difendere i loro clienti”.
Parliamo dei clienti che poi si trovano le carte di credito clonate, hanno i computer parte di una botnet, che trovano le loro foto protette dal cloud apple sui blog, e le loro voci, discussioni, momenti intimi, registrate, ascoltate e diffuse dai loro tecnici di fiducia… ma che secondo loro potevano farlo, essendo “a campione”.

Spesso (solo) sui siti di tecnologia vengono riportate notizie sui disastri di sicurezza di Apple, che coinvolgono centinaia di milioni di dispositivi. Questi articoli portano alla luce che volutamente i vertici di Apple hanno cercato di – non solo ignorare – ma anche nascondere ai consumatori i danni, per non fare crollare il castello di carte.
Questi problemi di sicurezza hanno colpito specialmente il (secondo loro, ma i fatti sono ben diversi) infallibile Apple Store.
I consumatori sono già stati truffati con l’obsolescenza programmata, una cosa a mio avviso da far chiudere l’azienda, ma per loro fortuna hanno solo preso una multa.
Apple ha preso diverse multe in passato per molte attività illecite, ma quello che mi sorprende è come i consumatori scelgano ancora di farsi truffare solo per il “brand”.
Apple ha una buona divisione marketing, e una notevole influenza sulle testare giornalistiche, quindi non se ne parla tra i consumatori. Il vantaggio di avere un sacco di soldi.
Apple criticava e prendeva in giro Google e Microsoft, ma almeno loro si prendevano le loro responsabilità e cercavano di migliorare i loro prodotti.
Sapete veramente di chi vi state fidando e affidando i vostri soldi? È questo che volete per voi e i vostri figli?

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.