Gestione avanzata delle manutenzioni con “SmilePlant”

SmilePlant” permette di gestire le manutenzioni con un sistema molto pratico ed efficiente.

L’idea dietro SmilePlant è che inserire due volte le informazioni è tempo sprecato. Quindi abbiamo cercato di ottimizzare tutte le procedure in modo tale che l’operatore o il responsabile delle manutenzioni/capo reparto, sia facilitato, dovendo inserire le informazioni importanti e ripetitive una sola volta. Questo può essere fatto al’inizio della configurazione del progetto/azienda, o continuamente, mentre le esigenze di manutenzione si chiariscono e si manifestano.

Prima configurazione

Questo approccio è molto importante per avere un ritorno di investimento da SmilePlant. Un errore comune è pensare che l’azienda sia costretta a impiegare un grande quantitativo di tempo nel setup iniziale del processo. Questo invece secondo noi è proprio sbagliato come concetto. Certo, abbiamo messo a disposizione degli strumenti per importare massivamente tutte le configurazioni necessarie (se già presenti in un altro software/sistema), ma questa in alcune situazioni potrebbe essere la via meno efficiente.

Esempio di layout principale
Esempio di layout principale

Se l’azienda si trova nella situazione di dover affrontare la configurazione delle manutenzioni per la prima volta – perchè precedentemente utilizzava sistemi su carta, o su fogli Excel non molto organizzati – noi consigliamo un approccio “evolutivo“.
In seguito al primo e veloce setup del progetto, solitamente eseguito con noi come parte del corso di formazione gratuito iniziale, noi consigliamo di dedicare costantemente del tempo ogni giorno (10/15 minuti) e quindi di inserire i dati nel sistema quando se ne manifesta la necessità.

Esempio di manutenzione

Facciamo un esempio: la prima volta che si richiede (o se si è appena eseguita) la manutenzione sul motore A45, andremo a creare quel nodo/componente e lo configureremo, avendo le idee molto chiare e sapendo esattamente quali sono le necessità.
Sapremo anche se si ritiene utile configurare altri parametri opzionali

  • dati e note da utilizzare per le prossime manutenzioni,
  • quale potrebbe essere un tempo indicativo per eseguirla,
  • eventuali note utili che potrebbero andare dimenticate,
  • e altri dettagli che sapremo essere utili.

Inoltre la funzione di duplicazione del nodo, permette di identificare un nodo simile e farne una copia, e quindi ridurre anche il tempo di inserimento.

Manutenzione di base

Il modulo base permette la gestione delle scadenze automatiche, che però vengono gestite in modo molto semplice e con un flusso semplificato, ideale per piccole aziende o per chi non ha bisogno di avere analisi statistiche o funzionalità avanzate.
Per necessità più complesse, di solito richieste da aziende più grandi e strutturate (> 5 manutentori) il modulo di manutenzione avanzata è uno strumento molto utile.

Modulo di “Manutenzione avanzata”

Esempio di manutenzione avanzata
Esempio di manutenzione avanzata

Nel caso di utilizzo del modulo di manutenzione avanzata possiamo compilare l’apposita scheda nel dettaglio, in modo tale che le manutenzioni verranno create pre-compilate. Eliminando del tutto il tempo richiesto per la gestione.

Una manutenzione, se configurata come ad inserimento automatico, genererà una nuova richiesta di manutenzione, con già indicati tutti i dati necessari (reparto, centro di costo, ricambi necessari, tempo previsto, note di esecuzione, e altro). A questo punto la richiesta sarà immediatamente disponibile al manutentore o alla ditta esterna – pronta se necessario anche ad essere stampata sull’apposito modulo – contenente tutti i dati disponibili (e corretti, essendo utilizzati i dati proposti dal sistema, senza quindi possibilità di errore dall’inserimento manuale).

Modulo di “inserimento ore”

Al termine l’esecutore dovrà solo indicare i termini della chiusura e, se il modulo “gestione ore” è abilitato, inserire le ore del “rapportino”, che saranno pre-compilate.

Esempio di gestione ore operatore
Esempio di gestione ore operatore

Funzionalità statistiche

In seguito sarà possibile estrarre una serie di informazioni statistiche che permetteranno di identificare le aree che richiedono maggior manutenzione e quali con le minor richieste, il tempo in cui l’impianto è stato in “fermo” a causa di gusti, permettendo anche di identificare l’efficienza di utilizzo di SmilePlant nel tempo. Tramite un apposita funzionalità di importazione su Excel sarà possibile generare tabelle Pivot e grafici Pivot, preconfigurati e pronti per essere personalizzati.

Esempio di estrazione analisi statistica
Esempio di estrazione analisi statistica

Contattaci

Per saperne di più è possibile visitare il sito www.smileplant.it o contattarci al (+39) 338 2867236.

Demo gratuita

Direttamente dal sito è possibile scaricare una versione dimostrativa gratuita, di facile installazione, contenente un semplice progetto dimostrativo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *